Image Image Image Image Image

Ecco una delle postcard più belle del documentario:

Scroll to Top

To Top

Dati

#REMAIN. La voce di un emigrato Europeo in UK ai tempi del referendum BREXIT

On 23, giu 2016 | No Comments | In Dati, Points of view | By Brunella

Da un articolo del The Guardian che potete trovare qui in lingua originale.

640

Remain…or not?

“Sono un migrante Europeo che vive in UK. Probabilmente avrete sentito un sacco di cose su persone come me nella campagna referendaria, ma di fatto non avete sentito dire nulla da nessuno di noi: noi, che abbiamo da perdere più di chiunque altro in questo referendum – perché i nostri mezzi di sostentamento dipendono dal risultato – non abbiamo alcuna voce in capitolo, nè un voto.
Sono venuto a vivere nel Regno Unito nel 1998, per un dottorato di ricerca. Prima di allora, nel 1993-94, ero stato qui con uno scambio studentesco in parte finanziato dal programma Erasmus dell’Unione Europea. Fu in quella occasione che ho avuto modo di conoscere e ad amare la Gran Bretagna come paese aperto e accogliente. La mia padrona di casa è stata una delle persone più gentili e calorose che abbia mai incontrato. Sono tornato in Gran Bretagna non appena ho potuto.

Dopo aver terminato il mio dottorato, mi sono imbarcato in un post-doc e poi trasferito in un’altra Università, dove ho lavorato per otto anni, prima di ottenere il mio posto attuale. Ho approfittato dell’ apertura del mondo accademico nel Regno Unito e della mobilità offerta dall’adesione all’UE.

Solo raramente ho incontrato pregiudizi e discriminazione, e sono stato in grado di ottenere grandi risultati.

Ma, come in ogni buona collaborazione, ho anche dato molto in cambio. Ho lavorato duramente per educare migliaia di studenti nel corso degli anni. Ho intrapreso ricerche e scritto libri e articoli. Ho lavorato come capo del dipartimento ed esaminatore esterno, e coperto innumerevoli ruoli amministrativi.

Ci sono migliaia di persone come me nelle università britanniche e il paese ha indubbiamente beneficiato del carattere internazionale di questa forza lavoro. Per competere a livello internazionale, le università del Regno Unito devono essere in grado di attrarre i migliori talenti, ovunque essi si trovino. Il successo nella classifica internazionale si basa sulla loro capacità di fare proprio questo.

Se il Regno Unito vota per lasciare l’UE, diventerà meno attrattiva non solo per i cittadini comunitari, ma per quelli  in tutto il mondo. Diversi colleghi nati negli Stati Uniti, per esempio, mi hanno detto che una delle ragioni per le quali si stabilirono nel Regno Unito è stato perché la possibilità di un soggiorno a tempo indeterminato qui ha dato loro libero accesso all’UE.

Ma i segni sono inquietanti. La campagna referendaria ha creato un clima di ostilità nei confronti degli immigrati, in modi non ho mai sperimentato nei miei 18 anni in questo paese. Veniamo accusati dello stato dei servizi pubblici su settori come la salute, l’alloggio e l’istruzione, e della diminuizione dei salari, anche se i veri colpevoli – ovvero il sotto-investimento cronico, la scarsa pianificazione, un governo inefficace e leggi sul lavoro annacquate – sono del tutto “fatte in casa”.

I racconti di intimidazione e minacce contro gli attivisti pro-Remain, gli immigrati e i loro sostenitori sono un motivo di seria preoccupazione. Non vi è dubbio che molti sostenitori del ‘lasciare’ siano decenti, persone riflessive, ma c’è anche il dubbio che parti della campagna hanno giocato su xenofobia e incoraggiato  razzisti e violenti.

‘Non sei tu, sono loro’
Mi è stato detto: “Non si tratta di persone come te, sono gli altri.” Io sono, a quanto pare, uno straniero “utile”. Allora, chi sono gli altri che stanno parlando? Gli idraulici polacchi? I raccoglitori di frutta lituani? Le infermiere spagnole? I medici greci? O è il turista previdenziale, quelle creature mitiche che, come il mostro di Loch Ness, non sono mai stati effettivamente notati, ma che sicuramente devono esistere, data la quantità di conversazioni su di loro?

Anche nel caso di un voto positivo sul restare, sarà difficile controllare le forze che sono state scatenate in questa campagna. Ed è difficile immaginare ciò in cui il Regno Unito si trasformerebbe dopo un Br-exit, possibilmente sotto la guida dei signori Johnson, Gove e Farage. Quel che è certo, tuttavia, è che non sarà più il paese che mi ha abbracciato – e di cui mi innamorai – tanti anni fa.

Non so se mi sarà permesso di rimanere, ma, come molti altri, sto cominciando a chiedermi se lo vorrei. Mi dispiacerebbe lasciare il paese che è stata la mia casa per quasi 20 anni e che è stato così buono con me – ma se si tratta di questo, il vero perdente sarà la Gran Bretagna.

Lo scrittore è un insegnante europeo di musica nazionale in una università scozzese.

Tags | , , , , , , , , , , , , ,

21

gen
2013

No Comments

In Dati

By Brunella

La generazione trasparente – Corriere.it

On 21, gen 2013 | No Comments | In Dati | By Brunella

La generazione trasparente - Corriere.it

La disoccupazione giovanile (15-24 anni) tra chi cerca un lavoro è al 37%, mai così alta dal 1992. E se questa è la media nazionale, immaginate cosa (non) accade nell’Italia del sud. La percentuale di laureati italiani che cercano fortuna all’estero, in dieci anni, è passata dall’11% al 28%.

Non è più sana voglia di esplorare. E’ una diaspora, pagata con risorse pubbliche.

Gli italiani con meno di trent’anni stanno diventando una generazione trasparente. Li attraversiamo con lo sguardo, anche quando diciamo di tenere a loro. Nessuno potrà accusare il futuro governo di non aver mantenuto le promesse verso i giovani italiani: perché queste promesse nemmeno sono state fatte. I nuovi elettori, almeno fino a oggi, sono i grandi esclusi della campagna elettorale.

Un’assunzione, oggi, è un atto di eroismo; deve diventare un’operazione conveniente per tutti. Se, per far questo, occorre tagliare la spesa pubblica, si tagli: dicendo dove, come e quando. Lasciando stare l’istruzione, che costa allo Stato italiano quanto gli interessi sul debito pubblico, 4,5% del prodotto interno. Con una differenza: gli interessi sul debito servono a tappare le falle del passato, l’istruzione è il motore per costruire il futuro.

Se vogliamo mani nuove e robuste sul volante italiano,non offendiamo i guidatori di domani: altrimenti ci lasceranno a piedi, e avranno ragione. Soprattutto, non diciamo di volerli aiutare, quando per loro non siamo disposti a rinunciare a niente. «L’amore trasparente non so cosa sia», cantava Ivano Fossati.

Leggi tutto l’articolo di Beppe Severgnini, su La generazione trasparente – Corriere.it.